È successo il fattaccio, e ci siamo accorti tutti che nello sport c’è della violenza. Ma no!

Si dice che abbia un colore politico, ma le ideologie formano un cerchio, e le parti estreme si sovrappongono, perché la stupidità e la rozzezza sono sempre le stesse. Sappiamo che entrambe predicano consapevolmente la violenza secondo un’ideologia folle.

Quando i muscoli prevalgono sul cervello, il cinismo, la viltà e l’indifferenza verso chi non si può difendere prevalgono su un minimo di civiltà e cultura, qualcosa si deve fare. Ma come e da chi, se basta un paio di giorni di sdegno recitato per cestinare la notizia?

Nello sport, la mente non ha troppa considerazione.  Diceva un famoso allenatore: “Sono dei muscolari. Perché devo lasciare che facciano sciocchezze mentre io conosco le soluzioni giuste?”. E un altro: “Io traccio i binari, e loro ci devono correre sopra”.

Il discoro sembra incomprensibile, ma è meglio non fare nulla piuttosto che sbagliare perché non si tiene conto dei momenti dello sviluppo, dei caratteri specifici di ognuno, delle reazioni della mente e delle naturali motivazioni.

Altri articoli...

Padlet (2)

Fatto con Padlet