Danza

“La danza è il linguaggio nascosto dell’anima”.

La danza, in modo particolare la classica è una forma artistica di alto livello, nella quale sono richieste doti fisiche, psichiche e attitudinali, che differenziano questa disciplina da ogni altra forma di movimento corporeo; sinonimo di eleganza e di armonia, la danza classica è alla base di tutte le altre forme di danza, è la madre di tutte le danze. La danza classica segue regole ben precise di movimenti ed è una disciplina che richiede studio e dedizione: sono soprattutto le pose e le combinazioni tra queste a enfatizzare la linearità e la precisione dell'esecuzione.

È fondamentale prestare attenzione alle superfici articolari e alla conformazione corporea della ballerina le quali potrebbero caratterizzare delle limitazioni a cui sono soggette traumi, lesioni, ma soprattutto atteggiamenti posturali scorretti.

ESAME POSTURALE Esame posturale della ballerinaEsame posturale della ballerina

 

In soggetti con problematiche posturali evidenti, o dei semplici atteggiamenti acquisiti (scoliosi,lordosi, cifosi), possono attraverso uno studio corretto della danza, con insegnanti altamente qualificati, e seguiti di conseguenza dal posturologo che, attraverso esercizi specifici e mirati, e intercettando la causa di determinati atteggiamenti posturali scorretti, crea un lavoro mirato attraverso la “Riprogrammazione Posturale Globale”, attraverso la quale si otterranno molteplici benefici tra i quali:

  • Aumento della flessibilità ed estensione del movimento
  • Coordinazione
  • Aumento della forza e resistenza muscolare
  • Miglioramento della postura statica e dinamica
  • Controllo del baricentro
  • Aumento della scioltezza e fluidità nel movimento
  • Miglioramento della capacità di adattamento e percezione
  • Crescita dell'autostima e conoscenza del proprio corpo
  • Rafforzamento del tronco
  • Prevenzione di problematiche della colonna
  • Sviluppo del'equilibrio muscolare
  • Aumento del controllo e della concentrazione mentale
  • Respirazione maggiormente efficace
  • Favorisce la connessione mente-corpo

    Il “posturologo” compie una valutazione funzionale globale dell’equilibrio posturale nel suo insieme e dei recettori della postura. Questa valutazione è sia di tipo clinico che strumentale con apparecchiature specifiche quali la stabilometria. Ci sono test per valutare il ruolo del piede, test sull’equilibrio (recettore vestibolare), test sulla funzione visiva (recettore oculare); altri per vedere se ci sono interferenze occlusali, cioè provenienti dal sistema masticatorio (denti e mandibola); o cutaneo (ad esempio in presenza di cicatrici importanti), e per la valutazione dell’apparato muscolo-scheletrico. Il posturologo deve saper fare un bilancio funzionale globale del sistema posturale ed analitico dei singoli recettori, ma deve anche valutare la situazione in un’ottica psicosomatica, ovvero cercare di comprendere in che misura gli aspetti psicologici entrano in gioco nella postura del soggetto. Ci sono classiche posture ben identificate e descritte che sono correlate specificatamente ad alcuni tratti emotivi e caratteriali del soggetto. Quindi, la posturologia consente di intercettare queste disfunzioni, che possono essere la causa di disturbi di cui non si riesce a determinare una causa specifica. Va vista sia in chiave preventiva che di trattamento terapeutico; ma serve anche per ottimizzare la performance di un ballerino e di un atleta, per esempio. I test chinesiologici e posturali hanno anche lo scopo di prevenire incidenti e infortuni: è evidente che una postura ben equilibrata è la migliore garanzia per prevenire traumi a livello sportivo.

  • Esame posturale nella danza: le misurazioni

    Gli esercizi che vengono proposti dalla Riprogrammazione Posturale Globale, lavorano su angoli anatomici e leve fisiologiche concrete scelte nel dettaglio, insieme ad un’esatta sincronia con la respirazione e alla concentrazione dei movimenti: grazie a questa unione corpo-mente, consegue la perfetta armonia dell’individuo.

  • ESERCIZI ESEGUITI PRIMA E DOPO TRE MESI DI TRATTAMENTO POSTURALE
  •  L'esame posturale applicato alla danza: il prima e il dopo

     

    La Riprogrammazione Posturale Globale, si fonda su dei principi di base: allineamento, centralizzazione, concentrazione, controllo, precisione, fluidità e respirazione. Per riuscire ad eseguirli, gli esercizi vengono realizzati lentamente, controllando e interiorizzando in ogni momento il movimento descritto dal nostro corpo.

    Il punto chiave della “Riprogrammazione Posturale Globale”, è la zona formata dalla regione lombare e dall’insieme addominale. Da questo punto si dirama tutta la mobilità corporea.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster