Pillole

Siamo convinti significhino gettarsi allo sbaraglio incuranti dei rischi, essere brutali senza curarsi di far male...

... ma nello sport, dove vincono la lucidità, la tecnica e la creatività, significa semplicemente agitarsi per dimostrare a sé e agli altri di averli.

Chi è sicuro e consapevole dei propri mezzi, cioè li ha davvero e non ha bisogno di mostrarli, infatti:

  • non è mai appariscente, clamoroso e, soprattutto, inutilmente temerario;
  • fa ciò che la situazione richiede, senza bisogno di stupire;
  • utilizza tutte le risorse di cui dispone e non si limita a eseguire, ma cerca di fare sempre il meglio anche quando potrebbe accontentarsi;
  • si confronta con qualsiasi situazione e, quando è necessario, si mette alla prova per migliorarsi, anche a rischio di sbagliare e di rimetterci;
  • c'è sempre quando è necessario, e non si tira mai indietro;
  • cerca di realizzare tutto ciò che è consentito ai suoi mezzi e ci mette sempre del suo per andare oltre ciò che gli possiamo chiedere e insegnare;
  • cerca il nuovo e, quando è utile o necessario, anche il difficile sia in gara che nell’allenamento;
  • non offre inutili dimostrazioni di "carattere" per convincere se stesso e gli altri di non avere paura;
  • sa collaborare e mettersi al servizio del compagno meno dotato, perché ha chiaro che è più utile il vantaggio collettivo della ricerca di gloria personale;
  • preferisce giocare, invece di mostrare o roteare i muscoli.

In altre parole, chi li ha fa al meglio tutto ciò che la situazione richiede, impiega tutte le risorse senza calcoli ed è sempre all'altezza delle proprie possibilità, tante o poche che siano.

 

E chi no

Quando vediamo un invasato che non bada ai rischi propri e dell’avversario, fa dichiarazioni roboanti o si gloria delle ferite, non pensiamo che abbia carattere, perché cerca solo di dimostrarlo.

Piace al pubblico, ma rende solo se azzoppa o intimorisce l’avversario, perché:

  • usa un’aggressività, e magari anche una violenza, fini a se stesse a spese delle qualità tecniche;
  • si sa solo ripetere, perché per essere creativi e tentare soluzioni originali occorrono lucidità e coraggio;
  • ha una visuale limitata, perché dedica tutta l’attenzione all’avversario da neutralizzare;
  • non si confronta sull’abilità e cerca soluzioni estranee al gioco, perché è convinto di non valere, e quindi non impara dall’avversario;
  • per paura di soccombere, cerca di creare una situazione estranea al gioco, ma così non migliora.

Come per gli sport di fatica estrema, dove il doping è quasi una necessità per non restare esclusi, si dice chi non ha i mezzi degli altri si deve arrangiare, ma è davvero così? Siamo sicuri che, se invece di insegnare e permettere anche ai bambini i mezzi più estranei al gioco, andiamo a scoprire e valorizzare quella parte di talento che ognuno ha, non avremmo ragazzi che sanno anche giocare?

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster