Pillole

Impoverisce il rapporto e rende chi la subisce impermeabile anche agli apporti educativi corretti...

... e non porta mai a una libera espressione di creatività.

L’allenatore

  • Manifesta i condizionamenti e gli errori di tutti gli altri rapporti educativi.
  • Vuole stimolare o “fa come ha sempre fatto” o “fanno tutti”, perché crede sia sufficiente la volontà per risolvere qualsiasi problema.
  • Scarica sull’allievo la delusione per i propri insuccessi.
  • Vorrebbe segnalare distanza, disistima e delusione, e umiliare l’allievo perché produca una reazione positiva.
  • Procura ostilità e risentimenti difficili da cancellare che si esprimono poi nell’età adulta.
  • Toglie efficacia anche alle iniziative corrette.
  • Può essere condizionato da un allievo che cerca la punizione per sfidare, avere attenzioni o essere protetto.
  • Fa il gioco dell’allievo troppo reattivo, perché gli offre troppe possibilità di opporsi, e del debole, che paga il disimpegno facendosi punire.
  • Se l’allievo resiste, non può aumentare la punizione all’infinito, e alla fine deve cedere.
  • Poiché dipende dal giocatore per conseguire risultati, è sempre in una posizione di debolezza.

 

L’allievo

  • Anche quando sembra accettarla, accumula pericolose cariche di aggressività e motivi di vendetta che nasconde in varie forme di resistenza e opposizione.
  • Più tardi, quando raggiunge una posizione nella quale si sente inattaccabile, può diventare ingovernabile, o manifestare in modo palese la sua impotenza e incapacità.
  • Trae vantaggi, perché ha l’opportunità di pagare con una punizione, e quindi di non sentirsi in colpa e di non doversi impegnare per correggersi.
  • Mostrandosi più impacciato e incapace, colpevolizza l’allenatore per i propri insuccessi.
  • Si può compiacere di decretare l’impotenza dell’adulto.
  • Scarica sull’allenatore le proprie responsabilità.
  • Se è deliberatamente ostile e reattivo, trova una facile giustificazione al proprio comportamento distruttivo.
  • Chi si sente non apprezzato, può preferire un rapporto basato sulla punizione piuttosto che sentirsi rifiutato o escluso.
  • Chi è insicuro può accettare la punizione fino a convincere l’allenatore a soccorrerlo con un aiuto protettivo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster