Pillole

S’illude che il proprio figlio sia il migliore o che basti farglielo credere perché lo diventi.

 

  • Lo mette nella condizione scoraggiante di doverlo dimostrare.
  • Passa sopra ogni cosa purché riesca nello sport.
  • Lo incita a utilizzare mezzi furtivi e sleali e a svalorizzare gli altri.
  • Usa stimolazioni eccessive, perché è convinto che siano sufficienti per ottenere risultati impossibili.
  • Vuole far riscattare dal figlio i propri fallimenti e ottenere gloria riflessa dai suoi successi.
  • Considera le regole e la ricerca di vantaggi collettivi dei vincoli alla completa autorealizzazione.
  • Di fronte ai suoi insuccessi diventa, di volta in volta, protettivo, autoritario, servile o manipolativo.
  • Gli presenta una realtà sfalsata e, dunque, deresponsabilizzante e scoraggiante.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster