La psicologia sembra la scienza di tutti. Quando i problemi sono degli altri, non c’è chi non conosca i perché e i percome e non abbia una cura solo da somministrare.
Il termine “psicologia” è troppo bello e indovinato per essere sostituito, ma bisognerebbe farlo, perché troppi si definiscono psicologi senza sapere che cosa significhi.

L’allenatore ha il compito di portare l’allievo al livello consentito dal fisico e dal talento, ma anche di essere un educatore che cresce un futuro adulto autonomo, responsabile, creativo e adeguato alle esigenze dello sport e dell’ambiente.

In termini generali, la reciprocità potrebbe essere definita come una forma di scambio e di comunicazione nella quale i contributi di punti di vista dei due elementi del rapporto, anche quanto siano diversi per valore qualitativo, hanno possibilità di incidere sul lavoro comune e sul rapporto.

L’allenatore che vuole sinceramente essere amico degli allievi va sempre apprezzato per le intenzioni, ma deve stare attento, perché va incontro a effetti quasi inevitabili. L’amicizia è molto più complessa di un buon rapporto tra insegnante e allievo.

Con i bambini l’autoritarismo ha qualche effetto ma oggi, con i giovani, occorre parlare di autorità o, meglio, di autorevolezza, altrimenti è facile andare incontro alla rinuncia e a percorsi improduttivi o pericolosi, fino alla ribellione o alla scelta di soluzioni autolesive.

Si crede ancora che la punizione abbia una funzione educativa, ma occorre cautela. Certo le trasgressioni vanno pagate, ma preferiamo ricorrere a conseguenze stabilite prima e naturali.

Un ragazzino sbaglia una porta in una discesa sugli sci, e l’allenatore lo punisce facendogli risalire la pista a piedi. Una squadra professionistica di calcio perde una partita che sembrava abbordabile, e il giorno successivo sveglia alle sette, visione ripetuta del filmato della gara e, dopo, in ritiro per tutta la settimana.

A volte sembra naturale rispondere con una punizione,

A volte lo sport non piace più o è diventato un peso, ma tanti abbandoni sembrano inspiegabili, e la colpa può essere degli istruttori, dei genitori e dell’ambiente.

Un adolescente decide di abbandonare lo sport senza una ragione in un momento addirittura favorevole e nonostante sia apprezzato da tutti. Chiediamoci, come sempre, se lo sport non lo abbia sottoposto a un clima di tensione con pressioni eccessive o maldestre,

Altri articoli...

Tehethon

banner poster