La parola ai tecnici

La formazione tecnica, tattica, atletica e mentale del giovane calciatore.

L’allenamento del possesso palla nella fascia di età dagli 8 agli 12 anni.

20-21-22 Maggio 2011 - Sportilia (FC)

(Relatore: Daniel Fernández Garcia – allenatore giovanissimi nazionali RCD Espanyol-Barcellona)

 

Caratteristiche generali

In questa fascia di età, è più facile migliorare il livello tecnico dei giovani calciatori tramite il gioco.

 

I passaggi debbono essere ottimi

  • Forza adeguata tramite la capacità di differenziazione.
  • Cercare preferibilmente la scelta del piede del compagno che riteniamo la migliore per la situazione:
    • se il compagno è smarcato, la scelta sarà il suo piede migliore;
    • se il compagno è marcato, la scelta può essere anche il suo piede debole.
  • Un buon passaggio dà sempre buone informazioni a chi lo riceve.

 

Le ricezioni di qualità

  • Ci faciliteranno il gioco.
  • Debbono far si che la palla possa essere giocata o con una guida o con un passaggio.
  • Una buona ricezione ci permette di uscire bene da una situazione complicata (orientando la palla in una direzione che ci fa uscire meglio).
  • Una buona ricezione può trasformare un cattivo passaggio in un buon passaggio.

 

La guida della palla

  • Permette di attrarre gli avversari sul possessore.
  • Permette di trovare buone linee di passaggio con i nostri compagni.
  • Crea spazi liberi.
  • Permette di proteggere la palla in caso di marcatura o di raddopio.

 

Il dribbling

  • Una volta che siamo riusciti a conquistare una situazione di 1.

 

A livello tattico in fase di possesso

  • Uscire veloci dalla zona di pressione avversaria.
  • Utilizzare al massimo lo spazio di gioco:
    • in ampiezza;
    • in profondità.
  •  Organizzare sempre una uscita sicura in ogni lato del campo (destra, sinistra).
  • Almeno un giocatore deve cercare un corridoio fra i difensori per passare al centrocampista centrale.
  • Vedere la posizione dei compagni e degli avversari preferibilmente prima della ricezione.
  • Passare la palla e muoversi subito.
  • Cambiare l’orientamento per evitare la marcatura avversaria e per costringerli a muosersi dove vogliamo noi.
  • Uscire veloci da una situazione di inferiorità o di parità numerica.

 

Gli obiettivi di tattica individuale nel gioco reale nella fase di uscita con la palla dalla difesa

  • Il portiere deve essere un giocatore in più abile a giocare con i piedi.
  • La guida della palla dei centrali difensivi è importante per attrarre gli avversari alla marcatura.
  • Eseguire buoni passaggi sugli appoggi.
  • Creare un 3.
  • La prima uscita con palla ai centrali di difesa deve essere con un passaggio agli esterni difensivi e la seconda con un passaggio centrale.
  • I centrali difensivi debbo posizionarsi larghi, circa sui vertici dell’area e debbono salire
  • Non passare mai la palla al centrcampista centrale che viene incontro.
  • Evitare passaggi orizzontali.
  • Il giocatore con la palla non deve mai essere l’ultimo uomo ma deve avere sempre una copertura difensiva.
  • I centrali di difesa non debbono mai passare la palla ai difensori esterni se sono orientati con le spalle rivolte alla porta avversaria.
  • Le ali debbono posizionarsi in ampiezza vicino alle linee laterali di riferimento salendo sino all’altezza della difesa avversaria.
  • La punta centrale avanzata si muove prima verso l’esterno per poi tagliare dentro per permettere l’inserimento di compagni da dietro.
  • Le ali debbono muoversi verso l’interno del campo per creare un interscambio di posizione con le mezze ali.
  • Creare un 2.
  • I giocatori che ricevono la palla con uno smarcamento d’incontro nella metà campo di attacco debbono scaricare di prima.
  • Utilizzare i cambi di orientamento.
  • Non passare la palla se non ci sono buone linee di passaggio.
  • Utilizzare la guida della palla per cercare di muovere gli avversari.
  • Cercare di passare palla a compagni che si trovano in una linea avanzata.
  • Se non abbiamo un buon passaggio da un lato del campo bisogna cercarne subito un’altro.
  • Le ali debbono essere decise nel puntare sempre la profondità con la palla e senza.
  • Eseguire cross decisi raso terra per il movimento della punta sul primo palo.

 

L’allenamento dei possessi palla per i Pulcini e gli Esordienti

1. Il ragazzo di 8-12 anni

  • Caratteristiche.
  • Punti forti.
  • Punti deboli.

 

2. Il possesso della palla nello sviluppo del gioco

  • Cosa faccio quando perdo la palla.
  • Come riconquisto la palla.
  • Cosa faccio quando riconquisto la palla.
  • Come attacco.

 

3. Il possesso della palla come forma di attacco

  • Vantaggi e svantaggi.
  • Differenze rispetto alla forma di attacco diretto.
  • Il possesso della palla nella mentalità del ragazzo.

 

4. Il possesso della palla

  • Gli obiettivi.
  • La base per un buon possesso.
  • Concetti tecnici che ci aiutano per ottenere un buon possesso di palla:
    • passaggio e ricezione;
    • guida della palla;
    • concetti tattici da allenare:
      • saper uscire dalla zona di pressione difensiva;
      • saper giocare in ampiezza;
      • saper giocare in profondità;
      • saper superare avversari con la palla;
      • saper superare la linea difensiva di pressione avversaria;
      • sapersi smarcare per avere più compagni liberi;
      • creare superiorità numeriche nella zona della palla:
        • come crearle;
        • in fascia o nella zona centrale del campo;
        • come superarle.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster