La parola ai tecnici

Considerazioni relative agli interventi didattici prima durante e dopo la pratica sportiva del giovane calciatore, secondo i principi della metodologia operativa.

 La presentazione del compito

Il compito di movimento è la specifica esperienza di movimento.

I compiti di movimento hanno una dimensione di contenuto, un orientamento all’obiettivo e una dimensione organizzativa che prevedono necessariamente questi tre focus:

  • il contenuto dei compiti è il movimento contenuto nella richiesta di ciò che il calciatore deve fare;
  • l'orientamento del compito all'obiettivo descrive la qualità e l'aspetto dell'esperienza di movimento;
  • l'organizzazione del compito è in relazione con la gestione del tempo, dello spazio, delle persone e del gruppo, tutti pianificati per facilitare il lavoro sul compito.

Proviamo quindi a fare un esempio in relazione a ciò che abbiamo detto:

  • contenuto: giocare 3vs3 con i portieri;
  • orientamento all'obiettivo: usare passaggi veloci e muoversi nello spazio precedendo il passaggio;
  • organizzazione: giocare in un gruppo di 6 su campo rettangolare 40x30 usando un pallone.

Rosenshine e Stevens definiscono alcuni aspetti perché la presentazione sia chiara ed efficace:

  • chiarezza di obiettivi e punti principali;
  • stabilire le finalità e gli obiettivi della presentazione;
  • mettere a fuoco un concetto, un punto o un’indicazione per volta;
  • evitare digressioni;
  • evitare frasi e pronunce ambigue;
  • presentazioni passo dopo passo;
  • presentare il materiale in piccoli passi;
  • organizzare e presentare il materiale in modo tale che ciascun punto sia assimilato prima che sia proposto il punto successivo;
  • fornire esplicite indicazioni passo dopo passo (dove ciò sia possibile);
  • presentare un profilo essenziale quando il materiale è complesso.

 

Procedure specifiche e concrete:

  • modellare l’esercizio o il processo (quando appropriato);
  • fornire informazioni dettagliate e sovrabbondanti per i punti difficili;
  • fornire agli studenti esempi concreti e vari.

 

Controllo della comprensione dei calciatori:

  • assicurarsi che tutti comprendano un punto prima di procedere con il punto successivo;
  • porre ai calciatori domande per controllare la loro comprensione di ciò che è stato presentato;
  • fare in modo che i calciatori riassumano i punti principali con le loro parole;
  • ripetere le parti della presentazione che i calciatori hanno difficoltà a comprendere;
  • tramite successive spiegazioni dell’allenatore;
  • attraverso il tutoraggio di alcuni nei confronti di altri.

 

Approfondimento

Check list per l'allenatore perché la presentazione del compito sia efficace:

  • Ho l'attenzione dei calciatori?
  • Ho incluso un set induttivo per i nuovi calciatori della squadra?
  • Nella mia presentazione la sequenza dei compiti è in ordine logico?
  • Ho presentato degli esempi?
  • Ho personalizzato il contenuto?
  • Ho ripetuto le cose di difficile comprensione?
  • Ho collegato il nuovo a precedenti esperienze?
  • Ho diviso in step gli obiettivi ?
  • La mia presentazione è dinamica?
  • La mia dimostrazione è accurata?
  • Uso i calciatori per enfatizzare le informazioni importanti?
  • Prevedo informazioni sul perché un'abilità deve essere svolta in un certo modo?
  • Uso aiuti organizzativi negli aspetti della pratica?
  • Se io sto utilizzando dei media li ho preparati in anticipo?
  • Le mie ancore di apprendimento sono:
    • Accurate?
    • Appropriate per il contenuto?
    • Appropriate per l'età e le abilità del calciatore?
    • Condensate efficacemente in parole ancora?
    • Indicizzate e in sequenza?
    • Nella mia presentazione ho separato gli aspetti organizzativi e di contenuto?

Cinque differenti presentazioni dei compiti sono state confrontate in termini della loro efficacia, sulle caratteristiche dell’esercizio (forma), il prodotto caratteristico dell’apprendimento e dell’abilità del giovane atleta a verbalizzare come realizzare un non familiare, complesso, pesante esercizio motorio (locrosse throw).

I cinque diversi casi erano:

  • spiegazione verbale con dimostrazione parziale;
  • solo dimostrazione completa;
  • spiegazione sovrabbondante con dimostrazione parziale;
  • spiegazione verbale con dimostrazione completa e cues riassuntive, ripetizione visuale/verbale della presentazione dei compiti;
  • controllo di gruppo – nessuna presentazione dei compiti.

I risultati dello studio supportano fortemente l’impiego della dimostrazione completa, schemi riassuntivi e ripetizione dell’atleta. Gli atleti nell’ultimo gruppo avevano un prodotto più elevato ed erano maggiormente in grado di verbalizzare come realizzare l’esercizio.

Graham e i suoi collaboratori hanno studiato le presentazioni dei compiti di insegnanti efficaci in educazione fisica ed hanno identificato otto indicazioni di presentazioni dei compiti efficaci:

  • fornire istruzioni esplicite;
  • enfatizzare l’utilità del contenuto presentato;
  • strutturare un nuovo contenuto;
  • segnalare l’attenzione degli studenti;
  • riassumere e ripetere le informazioni;
  • controllare la comprensione;
  • creare un clima produttivo per l’apprendimento;
  • presentare misure di responsabilità.

 

Suggerimenti didattici per la presentazione del compito

  • Fornire informazioni sintetiche, chiare, precise, limitate agli aspetti essenziali.
  • Definire verbalmente punti chiave dell’azione che l’allievo possa poi utilizzare per regolare l’azione.
  • Presentare immagini dell’azione attraverso dimostrazioni, grafici, fotografie, disegni, filmati.
  • Collegare immediatamente le informazioni fornite all’esperienza pratica.
  • Abbinare le informazioni visive alle istruzioni verbali per dirigere l’attenzione su aspetti rilevanti.
  • Talvolta, soprattutto con i più giovani, dire semplicemente “fai questo” e presentare una dimostrazione.
  • Porre domande e richiedere spiegazioni o riassunti dei punti principali per essere certi della comprensione.
  • Utilizzare dimostrazioni corrette o indicare come dovrebbe svolgersi l’azione.
  • Nelle dimostrazioni utilizzare coetanei in fase di apprendimento.
  • Nella dimostrazione scegliere prospettive adeguate di osservazione.

Lo sviluppo delle abilità di rappresentazione mentale (immaginazione) dell’azione ha come obiettivo di migliorare l’apprendimento, l’elaborazione, la correzione e il perfezionamento del gesto. Le abilità di rappresentazione si fondano sulla formazione di immagini mentali multisensoriali (visive, cinestesiche, tattili, uditive, etc.) vivide, stabili, controllabili e trasformabili. La rappresentazione mentale dovrebbe essere alternata alla pratica motoria, inserita, ad esempio, prima dell’effettuazione o nelle pause di recupero.

Al soggetto è richiesto di formare immagini dapprima esterne e poi interne: nelle prime il corpo in toto o nelle sue parti è rappresentato da varie prospettive come attraverso una cinepresa, mentre nelle seconde la prospettiva è interna (in prima persona). Filmati e immagini fotografiche sono utili per formare una rappresentazione esterna. L’allievo va ripreso da prospettive che catturino aspetti e informazioni importanti dell’azione che potranno poi servire da riferimento (immagine mentale guida dell’azione). In seguito è proposta la rappresentazione dell’azione dall’interno, che generalmente consente un recupero più facile delle sensazioni cinestesiche del movimento. L’esecuzione va rappresentata mentalmente in modo corretto e multisensoriale, nei dettagli o nella globalità, con risultato positivo in rapporto al raggiungimento degli obiettivi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster