Lo sport

Sempre più veloci. La velocità è quella particolare qualità motoria che ci permette di compiere un movimento nel minore tempo possibile.

Esistono differenti tipi di velocità, ma quella più apprezzata e conosciuta è la velocità di traslocazione o di corsa, in quanto congloba in sé tutte le altre forme, ovvero:

  • la velocità di reazione, comunemente chiamata “prontezza di riflessi”, che ci indica il tempo che passa dal momento in cui viene dato un segnale al momento in cui inizia il movimento di risposta. È necessaria per riuscire a scattare immediatamente dopo il via (tempo di reazione semplice) o per scegliere velocemente una risposta tra le tante possibili, come nel caso di un difensore dopo una finta dell’attaccante (tempo di reazione complesso); la velocità di esecuzione, utile per realizzare contrazioni potenti, in grado di determinare un’alta frequenza di passi, che dipende dalla quantità di fibre bianche che compongono un muscolo;
  • la velocità di coordinazione, indispensabile per mantenere una perfetta esecuzione del movimento anche ad alta frequenza, allenabile con la ripetizione ma soprattutto con una attenta analisi dei gesti attraverso l’utilizzo di tutti gli organi sensoriali.

La velocità di traslocazione, proprio perché la più complessa, è anche quella più facilmente allenabile. Si può agire, infatti, innanzitutto sul potenziamento dei muscoli e sulla perfezione esecutiva del gesto e, in minore misura, trattandosi di caratteristiche psicomotorie già determinate alla nascita, sul tempo di reazione e sulla velocità di esecuzione del passo.

Questi i consigli per il vostro allenamento sulla velocità:

  • riscaldatevi sempre molto bene prima di impegnarvi in attività che richiedono una massima velocità di esecuzione: stiramenti e strappi sono molto più frequenti di quanto supponiate;
  • automatizzate bene la sequenza dei movimenti prima di ricercare la massima frequenza possibile, per non disperdere inutili energie;
  • aumentate, tramite esercizi specifici, la forza dei muscoli impegnati nella realizzazione dei movimenti;
  • esercitatevi a partire velocemente ai segnali di partenza;
  • cercate di trovare il giusto equilibrio tra la frequenza dei movimenti e l’ampiezza degli stessi. Se nella corsa la frequenza è troppo alta e va a scapito della lunghezza del passo, rischiate di avanzare poco e “correre sul posto”;
  • recuperate completamente, prima di impegnarvi in una seconda prova di massima velocità.

 

Come migliorare la vostra velocità

Siccome l’applicazione della velocità interessa tutti i gesti tipici delle varie discipline sportive, vi indichiamo alcune metodiche che potrete applicare ai fondamentali dei vari sport e a tutti gli esercizi descritti per le altre qualità motorie.

  • Con uno o più compagni, organizzate gare, sui 30/40/50/60 metri, per verificare chi arriva prima al traguardo.
  • Con uno o più compagni, verificate con un cronometro o con un orologio con i secondi, chi impiega meno tempo a percorrere una breve distanza prestabilita (30/40 metri).
  • Con uno o più compagni, verificate chi esegue il maggiore numero di ripetizioni di un esercizio in un tempo breve (2/3 minuti).
  • Organizzate gare ad inseguimento in linea e su circuito.
  • Eseguite partenze da posizioni differenti (in ginocchio, seduti, proni ecc.), imparando a reagire velocemente al segnale del via.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster