Le domande dei genitori

Mio figlio sta sempre in panchina, eppure quando l’ho iscritto mi hanno detto che era un talento, e anche adesso gioca meglio di altri che non ci vanno mai.

Poiché non conosciamo il caso, immaginiamo tutti in buona fede e limitiamoci a qualche considerazione.

Le attenzioni della società:

  • essere chiara fin da subito (pur tenendo conto che lo sviluppo può modificare il giudizio iniziale);
  • non coltivare illusioni nel ragazzo e nella famiglia solo per incoraggiare e dare stimoli;
  • presentare lo sport come un momento formativo, e non come preparazione a una carriera certa;
  • se un ragazzo non interessa più, spiegare i perché delle decisioni e non cadere nelle piccole ingiustizie perché i genitori “capiscano da soli”;
  • prima della bocciatura assicurarsi di aver sviluppato tutte le qualità del ragazzo;
  • le pressioni sull’allenatore per vincere con ogni mezzo oggi impediscono di vincere domani.

 Le attenzioni dei genitori:

  • essere obiettivi e tenere conto della realtà: non basta convincere il figlio che tutto gli è possibile;
  • perché al grande sport arriva uno ogni 30-40.000;
  • ognuno ha mezzi ben definiti, e illudersi e illuderlo di essere un campione non cambia la realtà, ma lo espone a non sviluppare le qualità, piccole o grandi, di cui dispone;
  • sentirsi tollerato come punto debole, andare sempre in panchina, essere l’ultima scelta e perdere nel confronto con i compagni sono sentimenti che porteranno a un adulto insicuro e perdente;
  • il calcio è lo sport che crea più illusioni, ma non è l’unico: il giovane potrebbe crescere meglio e con più piacere in un altro;
  • portarlo in una squadra dove può vincere o perdere e non essere già sconfitto prima di giocare;
  • stare qualche volta in panchina non è un torto, ma starci sempre sì.

 Le attenzioni dell’allenatore

  • nelle giovanili si lavora per il domani, e vincere con qualsiasi sotterfugio non basta neppure all’oggi;
  • l’ingiustizia patita da bambini diventa un cattivo insegnamento per la vita adulta;
  • la ricerca della vittoria con mezzi e modi fraudolenti va contro lo sviluppo delle qualità reali;
  • imparare a dire le cose come sono, perché un confronto franco è meglio di una finzione;
  • immedesimarsi nella delusione e nell’umiliazione di un giovane, non per eliminarle sempre, che non è possibile, ma per renderle tollerabili e, quando è possibile, educative.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster