Le domande degli allenatori

All'interno della squadra ci sono dei clan in conflitto tra loro. Come posso intervenire? Uso il pugno duro?

Quando in una squadra si sono formati dei clan, l'errore è già stato fatto, e usare solo il pugno duro significa peggiorare la situazione.

Bisogna capire cosa è successo.

I clan si formano quando:

  • non abbiamo autorità;
  • creiamo inutili rivalità mettendo i giocatori in concorrenza tra loro per stimolarli, o non le sappiamo prevenire;
  • noi ci prendiamo i meriti e attribuiamo le colpe ai giocatori;
  • vogliamo adottare il pugno duro e i giocatori scaricano tra loro l'aggressività che non si sentono di scaricare su di noi;
  • non sappiamo far rispettare le regole;
  • non agiamo con giustizia: siamo duri con i più fragili e cediamo alle pressioni dei più arroganti;
  • non siamo in grado di opporci a interferenze che vengono da fuori;
  • non sappiamo suscitare interesse e far partecipare la squadra;
  • cerchiamo rapporti fondati sulla dipendenza e non sulla stima;
  • manchiamo di rispetto o abbiamo reazioni troppo emotive;
  • non sappiamo ammettere e correggere i nostri errori e le nostre incertezze.

Dopo aver scoperto e corretto i nostri errori, bisogna però passare all'azione. Proviamo a instaurare un clima di collaborazione e cerchiamo di fare in modo che la vivacità si trasformi in una spinta verso proposte e comportamenti costruttivi, invece di provocare liti, ripicche, infantilismi e rivalità.

Ma intanto prendiamo le nostre decisioni senza farci condizionare. Restiamo disponibili a portare la nostra esperienza se ci chiamano in causa per risolvere i conflitti e accogliamo qualsiasi cambiamento, ma se tutto questo non bastasse e ci fossero degli incorreggibili, chi gioca contro sta fuori.

E se così andasse tutto a catafascio? Pazienza, ma sarebbe l'unico modo per ricominciare da capo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster