Nei primi minuti di una gara l’insicurezza porta l’attenzione sull’errore, e obbliga a ricorrere al ragionamento, che è lento, rallenta l’azione e offusca gli automatismi.
Certi atleti nei primi minuti sono bloccati e non riescono a esprimersi al meglio. È questione fisica o mentale? Come rimedio?

La psicologia sembra la scienza di tutti. Quando i problemi sono degli altri, non c’è chi non conosca i perché e i percome e non abbia una cura solo da somministrare.
Il termine “psicologia” è troppo bello e indovinato per essere sostituito, ma bisognerebbe farlo, perché troppi si definiscono psicologi senza sapere che cosa significhi.

L’allenatore ha il compito di portare l’allievo al livello consentito dal fisico e dal talento, ma anche di essere un educatore che cresce un futuro adulto autonomo, responsabile, creativo e adeguato alle esigenze dello sport e dell’ambiente.

Se un ragazzo è troppo timido e insicuro, o si ritira sempre di più nei confronti dei coetanei senza un motivo, il genitore provi ad aiutarlo, ma se non ce la fa, chieda aiuto ad altri.

In casa mio figlio è solo un po’ taciturno e introverso, ma con i coetanei si chiude e non si fa valere fino a voler smettere con lo sport.

Questo è un lavoro complesso, e comporta la conduzione del gruppo da parte di uno psicoterapeuta che usi l’approccio EMDR, in modo da permettere un lavoro di definizione ed elaborazione di obiettivi e risorse occorrenti e, al contempo, un lavoro d’individuazione, potenziamento e rafforzamento di risorse.

In termini generali, la reciprocità potrebbe essere definita come una forma di scambio e di comunicazione nella quale i contributi di punti di vista dei due elementi del rapporto, anche quanto siano diversi per valore qualitativo, hanno possibilità di incidere sul lavoro comune e sul rapporto.

Altri articoli...

Tehethon

banner poster