Formazione

Spesso non c’è molta differenza tra una gara sportiva e il cammino percorso in un’intera vita: entrambi sono fatti di gioco, di eventi altalenanti, di emozioni, di adattamento, di rischi, di vittorie, di pareggi e di sconfitte.

Il gioco è una cosa seria! Gli educatori non dovrebbero mai dimenticarlo!

Lo sviluppo del bambino inizia con il gioco, i suoi metodi sono la fantasia, la simulazione, l’esplorazione di se stessi e dell’ambiente ed i suoi strumenti sono il corpo ed i cinque sensi.

Dove c’è divertimento c’è anche apprendimento ed il gioco è il primo sistema di apprendimento, il più immediato, che stimola il bambino verso un processo di acquisizione e di crescita che dura tutta la vita. La voglia di giocare è l’elemento fondamentale che innesca lo sviluppo della persona e rappresenta il primo motore dell’agire.

Il gioco, attraverso una serie di strutturazioni e differenziazioni, crescendo si dà delle norme e diventa sport; è arricchito da regole e spesso impoverito da serietà e pesantezze che ne alterano alcune caratteristiche, ma non perde nulla della sua importanza nello sviluppo della persona. Lo sport è il gioco che diventa adulto e, come tutti gli adulti, non dovrebbe mai dimenticarsi del bambino che era.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster