Nella formazione, l’insegnamento è affidato all’iniziativa del singolo, che ripropone le proprie esperienze di allievo, si affida ad esperienze vissute da altri o alle verità di tanti guru impreparati.

Nello sport, la formazione è ancora una parola con troppi significati, e non tutti innocui. Manca un modello comune che sappia scoprire, sviluppare e far cooperare le qualità della mente, moderare e rendere vantaggiosa la parte emotiva della personalità e trattare ciò che è specifico del singolo. In pratica, si dice come fare imitando il gesto del campione, si correggono le iniziative che rispondono alle attese di chi insegna e si trascura ciò che è specifico di ognuno, che si manifesta soltanto quando il momento richiede una soluzione imprevista.

Diventare un allenatore sportivo significa scegliere di guidare i giovani sportivi verso la crescita sportiva e personale.

Allenatore… Istruttore… Mister… Coach… Li possiamo chiamare in molti modi diversi ma ciò che, dal nostro punto di vista, contraddistingue chi opera nei settori giovanili è sicuramente il ruolo di “educatori” sportivi, prima di tutto.

Altri articoli...

Tehethon

banner poster