Salute

Nel 1910 in Austria abbiamo la nascita del primo controllo anti-doping.

A seguito di analisi condotte su alcuni cavalli, un chimico russo portò al Club dei Fantini Austriaci la dimostrazione scientifica dell’avvenuta pratica di doping, data dalla presenza di alcaloidi nella saliva degli animali. (8)

Perché fosse istituita una forma ufficiale di controllo antidoping, si dovette attendere il 1955. Fu in quell’anno, infatti, che, in Francia, cominciarono le analisi obbligatorie sui ciclisti, scoprendo immediatamente percentuali di positivi pari anche al 20 per cento. Da allora, i controlli hanno avuto luogo, progressivamente, in tutte le discipline sportive e in tutte le manifestazioni internazionali più importanti: nei Mondiali di calcio i controlli furono introdotti nell’edizione inglese del 1966, alle Olimpiadi della neve nell’edizione del 1968, mentre per i Giochi olimpici fu necessario aspettare fino al 1976. (9)

La Federazione Medico-Sportiva Italiana (F.M.S.I.), organo del C.O.N.I., ha iniziato i controlli antidoping fin dal 1960, mentre la legislazione statale si è occupata per la prima volta seriamente di doping, undici anni dopo, con la L. 26.10.1971, n. 1099, sulla “Tutela sanitaria delle attività sportive”, che ha abrogato la L. 1055 del 1950.

Nella legge manca un’esplicita definizione di doping, ma si ricava dalla lettera dell’art. 3, in cui si penalizza con ammende sia “… gli atleti partecipanti a competizioni sportive che impiegano sostanze nocive per la loro salute al fine di modificare artificialmente le loro energie naturali …”, sia colui che “… somministra agli atleti che partecipano a competizioni sportive delle sostanze che modifichino le loro energie naturali …”.

L’ammenda è triplicata se il fatto è commesso dai dirigenti delle società o associazioni sportive, dagli allenatori o dai commissari tecnici.

Nell’art. 6 s’individuano i laboratori per i test antidoping e l’iter di accertamento, mentre nell’art. 7 si demanda a un D.M. (emanato in seguito il 5.7.1975) il compito di elencare “le sostanze proibite ai sensi dell’art. 3 che possono essere rilevate nei liquidi biologici”.

La L. 1099/71 è certamente innovativa rispetto alla L. 1055/1950, per aver esteso i controlli a tutti quelli che praticano attività sportive agonistiche, così abolendo la differenziazione tra attività professionistica, attività dilettantistica con retribuzione abituale e attività dilettantistica vera e propria. (10)

L’Italia fu uno dei primi Paesi a legiferare in materia di doping nello sport: il Belgio e la Francia nel 1945, l’Italia e la Turchia nel 1971, la Grecia nel 1976 e il Portogallo nel 1979.

Jacques Anquetil, il ciclista morto nel 1988, disse: “Tutti i corridori ricorrono a sostanze e metodi proibiti e quelli che lo negano sono dei bugiardi”.

Prima del 1973, non esistevano analisi attendibili per evidenziare l’uso degli androgeni anabolizzanti da parte degli sportivi. In quell’anno veniva annunciato il primo metodo radioimmunologico capace di rivelare la presenza nelle urine di androgeni anabolizzanti somministrati per via orale. (11)

I primi controlli furono effettuati ai giochi del Commonwealth Britannico in Nuova Zelanda nel 1974, e nove atleti, su un totale di cinquantacinque su cui si effettuarono le analisi, avevano steroidi anabolizzanti nelle urine; non vi furono sanzioni, e i concorrenti con riscontro positivo poterono contare sull’anonimato, poiché l’operazione antidoping era stata condotta a titolo sperimentale dimostrativo. (12)

Gli steroidi anabolizzanti furono banditi come sostanze proibite dal Comitato Olimpico Internazionale sin dal 1976.

Nel 1988, alle Olimpiadi di Seoul, la medaglia d’oro della velocità, l’allora mitizzato canadese Ben Johnson, pluri-recordman e collezionista di successi internazionali, viene trovato positivo al controllo anti-doping. Ne verrà fuori uno scandalo di dimensioni enormi. Lo stesso atleta, durante l’udienza della Commissione d’indagine della Federazione Internazionale, spiegherà nei minimi dettagli l’uso-abuso di sostanze dopanti, che a breve termine consentiva l’acquisizione di successi sportivi, ma i cui effetti fisici erano di una devastazione e di una letalità sconvolgenti.

Incappato nell’anti-doping, gli fu tolto il titolo, fu squalificato e gli furono cancellati i contratti degli sponsor, che ammontavano a dieci miliardi annui.

Anche il nuoto non fu immune da questo vizio. In dieci anni, dalle Olimpiadi di Los Angeles 1984 ai mondiali di Roma 1994, i nuotatori e le nuotatrici cinesi sono diventati dei veri protagonisti, vincendo mediamente il 70% delle medaglie d’oro e stabilendo record in tutte le discipline. I sospetti, nati sia dagli sbalorditivi progressi dei rappresentanti di questa nazione che dalla loro “presenza fisica” – questi atleti erano, infatti, notevolmente aumentati di massa muscolare – avevano indotto gli allenatori degli altri Stati a compilare un atto di accusa su presunte pratiche proibite.

Questa clamorosa protesta fu accompagnata anche da una singolare azione giornalistica. L’autorevole rivista Swimming World non inserì nelle classifiche all time i risultati delle atlete asiatiche ai Mondiali del 1994 a Roma, prima della conferma con i Giochi Continentali di Hiroshima, quando ben undici nuotatori cinesi risultarono positivi all’anti-doping.

Il 4 febbraio 1999 a Losanna (Svizzera), nel corso della World Conference on Doping in Sport riunitasi dopo gli eventi che avevano funestato il ciclismo nell’estate dell’anno precedente, approva la “Lausanne Declaration on Doping in Sport”. La novità assoluta della Dichiarazione di Losanna è rappresentata dall’adozione del Codice Anti-doping e dall’istituzione di un organismo mondiale per la lotta al doping: la WADA.

In base alla Legge 376 per la “disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping”, entrata in vigore il 2 gennaio 2001, costituiscono doping la somministrazione o l’assunzione di farmaci o di sostanze farmacologicamente attive, e l’adozione o la sottoposizione a pratiche terapeutiche non giustificate da condizioni patologiche, e idonee a modificare:

  • le condizioni biologiche dell’organismo al fine di migliorare le prestazioni agonistiche degli atleti;
  • i risultati dei controlli sull’uso dei farmaci, delle sostanze e delle pratiche suddette.

I farmaci, le sostanze farmacologicamente attive e le pratiche terapeutiche il cui impiego è considerato doping, sono individuati, in conformità alle indicazioni del Comitato olimpico internazionale, in tabelle approvate con decreto del Ministero della sanità, d’intesa con il Ministro per i beni culturali, su proposta della Commissione di controllo sanitario dell’attività sportiva.

La Commissione di controllo sanitario dell’attività sportiva è istituita presso il Ministero della Sanità; tra i suoi compiti, quello di determinare criteri e metodologie dei controlli antidoping. Ciò significa che la gestione dei laboratori antidoping non sarà più nelle mani del CONI, ma in quelle della Commissione stessa.

I farmaci potenzialmente dopanti dovranno recare un contrassegno per essere riconoscibili e avere, nel foglietto illustrativo, un paragrafo che ne spieghi gli effetti per chi pratica attività sportiva.

Il doping è reato penale. A differenza che in passato anche gli atleti sono perseguibili.

Come riporta il settimanale AICS online (13): “La lotta al doping dal 2007 ha un nuovo alleato: il Passaporto Biologico". Questo neo-ritrovato della lotta al doping è il frutto dell'incontro avvenuto il 23 ottobre 2007 tra il Presidente dell'agenzia mondiale Anti-Doping (WADA) Richard Pound e il Presidente dell'Unione Ciclisti Internazionale (UCI), Pat McQuaid. In quella sede fu deciso che nessun atleta di livello internazionale potesse sottrarsi a questa normativa, specie per il ciclismo.

L'accordo è stato raggiunto dopo una lunghissima trattativa tra le più importanti federazioni del ciclismo mondiale, nel tentativo di rilanciare l'immagine di uno sport in forte crisi di credibilità dopo anni di scandali legati al doping. Durante la stagione, ogni ciclista si deve sottoporre periodicamente a esami del sangue e delle urine per stabilire il proprio profilo ematologico sia nei periodi di attività che fuori dalle competizioni.

Viene così ricostruito il "profilo tipo" di ogni atleta, e i dati vengono raccolti durante il suo periodo di riposo. Il profilo che viene individuato diventa il parametro di confronto per ogni valore che sarà riscontrato sull'atleta durante i controlli nei periodi di gara o allenamento.

Il Passaporto biologico è una grande innovazione nel campo dell'antidoping, ma come qualsiasi fuori serie ha avuto bisogno di un periodo di rodaggio, fino ad arrivare al 2011, quando è stato possibile aprire un procedimento per doping sulla base di una variazione del "profilo tipo" dell'atleta.

Queste variazioni, per determinare la positività dell'atleta, devono essere garantite dalle analisi statistiche dei dati, con una certezza pari al 99,9%.

Un importante avvicinamento al Passaporto Biologico è stato fatto anche dall'IAAF, Federazione Internazionale di Atletica, che a Daegu, in occasione della disputa dei mondiali, ha inserito questo strumento di controllo. Questa indagine ha avuto sin dalla sua attuazione diversi riscontri negativi.

Sono stati numerosi gli atleti che lo hanno criticato boicottando anche alcune gare, sostenendo l'inaffidabilità del passaporto biologico, perché si basa su valori che possono variare naturalmente.

 

ARIENS E.J., 1965, "General and pharmacological aspects of doping", in Doping, eds. A. DE SCHAEPDRYVER, HEBBELINCK M., Pergamon Press, Oxford.

  1. VENERANDO A., 1963, "Doping: Pathology and ways to control it", Med. Sport 3.
  2. Commissione per la Vigilanza e il Controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive.
  3. OSEID S., 1984, "Doping and athletes – Prevention and counseling", J. Allergy Clin. Immunol. 73.
  4. BENZI G., 1988, "Doping: a pharmacological problem", Pharmacol. Res. Commun. 20.
  5. DE JULIIS T, VITTORIOSO V., 1991, "Normative su la tutela sanitaria delle attività sportive e la lotta al doping", Organizzazione Editoriale Medico Farmaceutica, Milano.
  6. ATTI PARLAMENTARI, CAMERA DEI DEPUTATI, 1988, Proposta di Legge n. 2564.
  7. ARPINO M., 26/27/28 maggio 2000, Atti del Convegno Internazionale “Lo sport giovanile e Scolastico in Europa e nel Mondo nel terzo millennio – Quali iniziative per prevenire e combattere il Doping?” Cagliari/Quartu S. Elena.
  8. BIENTINESI, 1991, "Farmaci & Sport".

 

(10)  CAPRISTO C.M., GAGLIANO-CANDELA R., GRECO M., "Normativa e tossicologia dello sport", F. MILELLA Editore, Bari.

(11)  BROOKS R.V., FIRTH R.G., SUMMER N.A., 1975, "Detection of anabolic steroids by radioimmunoassay", Br. J. Sports Med. 29.

(12)  LAMB D.R., 1984, "Anabolic steroids in athletics: How well do they work and how dangerous are they?" Am. J. Sports Med. 12.

(13)  Settimanale AICS ANNOV - n°. 232 giovedì 3 novembre 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster