Salute

ASSUNZIONE SOSTANZE DOPANTI - motivazioni riferite

L’impiego degli steroidi anabolizzanti (SA) al fine di esaltare le capacità atletiche è con ogni probabilità il fenomeno doping più diffuso e consistente mai registrato.

All’inizio l’autoprescrizione degli SA riguardava solo atleti d’élite praticanti sport di potenza, ma in seguito si estese a macchia d’olio alle altre discipline sportive ed anche ad atleti amatoriali. Gli SA furono banditi come sostanze proibite dal Comitato Olimpico Internazionale sin da 1976, ma il loro abuso continuò a diffondersi sempre più nel mondo dello sport, soprattutto nelle palestre di body building, dove vengono assunti al solo scopo di migliorare l’aspetto fisico.

Da una disamina di studi condotti su quest’argomento, è emerso che le motivazioni riferite si possono raggruppare in base ai differenti soggetti oggetto d’indagini suddivisi in:

  • Atleti agonisti, per i quali è emerso che ne fanno uso per aumentare la massa muscolare e intensificare gli allenamenti. Negli anni ’50 e ’60 l’uso di steroidi anabolizzanti androgeni era ampiamente limitato agli atleti di vertice. Gli atleti che ne fanno uso riferiscono che gli steroidi sono necessari per una competizione, e che massimizzano l’allenamento. Dall’analisi di 135 questionari completati dai lettori di due riviste di culturismo, è emerso che il 20% degli utilizzatori di steroidi ammise esplicitamente di prenderli per competere in competizioni di culturismo, dimostrando che la motivazione a eccellere nel loro sport era un incentivo forte. [1]
  • Altri soggetti, per lo più frequentatori di palestre, riportano tra le motivazioni, il voler aumentare la massa muscolare, migliorare il loro aspetto e livello di sicurezza di sé. Infatti, nello studio di WRIGHT, il voler diventare più grandi e più muscolosi era la ragione più frequente riportata dagli utilizzatori di steroidi (31% degli utilizzatori). Nelle interviste gli utilizzatori di steroidi riportarono che uno dei principali incentivi ad assumerli era dovuto al fatto di sentire di trovarsi in una fase di stasi, nella quale non potevano diventare ancora più muscolosi solamente attraverso l’allenamento con i pesi.
  • Un ultimo gruppo di soggetti, per lo più studenti adolescenti, riporta tra le ragioni per l’uso di sostanze dopanti il miglioramento dell’immagine o il rendimento sportivo. In un’indagine condotta in Svezia tra studenti nel 1995, dei trentasette ragazzi riportanti l’uso di agenti dopanti, ventidue hanno risposto che le ragioni erano di acquisire un corpo più attraente/muscoli più grandi e/o miglioramento performance sportiva.

Anche in uno studio condotto in West Virginia, la ragione riportata più frequentemente per l’uso di steroidi era di “migliorare l’aspetto-sembrare più grandi o migliori” (43%). Questa risposta era stata data il doppio di volte rispetto alla seconda risposta più comune che era “migliorare il rendimento sportivo” (22%). Questo dato, unito al fatto che il 36,8% degli utilizzatori di steroidi non pratica alcuna attività sportiva, suggerisce che l’abuso di SA si è diffuso nella popolazione adolescente generale e che ottenere un vantaggio nello sport non è la ragione dominante per gli adolescenti che usano questi aiuti. [2]

Tra gli adolescenti, l’uso di steroidi è tipicamente motivato da benefici a breve termine, includendo il desiderio di aumentare la forza e il rendimento atletico e il desiderio di migliorare l’aspetto. In generale, gli utilizzatori di steroidi che sono atleti sono più propensi a usare steroidi per motivi legati al rendimento atletico, mentre gli utilizzatori che non sono atleti sono più motivati.  


[1] Wright S, Grogan S., Hunter G, 2000, "Motivations for anabolic steroid use among bodybuilders", J. Health Psychology 5.

[2] Whitehead R., Chillag S., Elliott D., 1992, "Anabolic Steroid Use Among Adolescents in a Rural State", J. Family Practice 35.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster