Etica e Sport

A proposito della problematica del doping, non si può non partire da questa piaga sociale che ogni anno fa vittime illustri come il ciclista Armstrong o il marciatore azzurro Schwarzer.

Bene, innanzitutto facciamo una distinzione sulle sostanze utilizzate. Per esempio gli anabolizzanti sono usati soprattutto nel body building. Per quanto riguarda invece il ciclismo, si parla di emotrasfusione. Addirittura anche negli sport di concentrazione, come il tiro con l’arco per esempio, sono stati scoperti casi di utilizzo di beta bloccanti.

Quindi sì, c’è una trasversalità di sport colpiti purtroppo. Si tratta di farmaci, andrebbero usati soltanto sotto prescrizione medica. Per Armstrong e Schwarzer invece il problema è soprattutto mentale. Molti, infatti, investono tanto nello sport, forse troppo. La disciplina sportiva non è più vissuta come passione, ma come voglia di vincere, di essere riconosciuti. Poi subentrano altre cose, come gli sponsor, i mass media, che non possono accettare un fallimento.

Devi essere sulla cresta dell’onda, sempre. Mentalmente può accadere di cedere perché si è al limite. Poi c’è un altro fenomeno preoccupante, il doping tra ragazzi per questioni di estetica. Si va in palestra soprattutto per avere un bel fisico da mostrare. Più che combattere questo fenomeno, si dovrebbe psico-educare con equipe mediche composte di vari specialisti, coordinati magari da un ex dopato. Sarebbe una forma di riscatto sociale, di riabilitazione anche per loro. Chi meglio di loro può spiegare come non cadere in errore e come fronteggiare la pressione? Utilizzando un approccio non colpevolizzante poi, si possono ottenere risultati ancora migliori. La collaborazione in questi casi può fare molto.

Tutti gli Stati si propongono di combattere il fenomeno doping, anche se con mezzi diversi. Ultimamente si parla di passaporto biologico dell’atleta e questa potrebbe essere veramente una soluzione ottimale, perché fa una storia del tracciamento ematico dell’atleta stesso impedendogli, di fatto, di doparsi.

Si può addirittura prevenire il doping lavorando proprio sulla persona. Per esempio proprio la triste vicenda di Schwarzer ci insegna come, avendo solo motivazioni estrinseche, fama gloria e successo in primis, si arrivi a commettere errori. Il percorso di lavoro inizia dal respiro, dalle sensazioni corporee che la persona, in questo caso l’atleta, prova nell’andare incontro all’evento sportivo.

Nel qual caso la gara andasse male, si lavora anche sulla sconfitta, perché c’è sempre da salvare qualcosa di positivo anche quando le cose non vanno bene. Si spacchetta e si analizza il tutto perché dalle sconfitte si può tornare più forti di prima. Io ho studiato un approccio che mi piace chiamare ORA, acronimo che sta per Obiettivi-Risorse-Autoefficacia. È un approccio psicoterapeutico tipico della Gestalt, e s’indaga sul qui e ora della circostanza. In sostanza si lavora ovviamente sul presente ma considerando anche il passato e il futuro, anche attraverso magari l’ipnosi. Con questo stratagemma tento di mandare il paziente in quel preciso giorno, magari poco prima della gara e cerco di fargli rivivere le emozioni, le sensazioni che ha provato o proverà in quella circostanza. È un’esperienza multimodale, multisensoriale. La persona si deve vedere lì in quel momento e in quel giorno.

A proposito di maratona molto spesso si sente parlare del “problema del muro”. Che cos’è e come si può superare?

Sì, è vero. L’importante è prepararsi a priori, svolgendo degli allenamenti adatti. Io per esempio do grande importanza agli allenamenti in progressione, in altre parole inizio piano e poi incremento l’attività fino a finire l’allenamento al massimo delle forze. Questo sarà importante quando in gara arriveranno i momenti di scoramento. Durante la competizione è importante anche l’approccio meditativo. Quando ho la crisi, il timore di non farcela, in poche parole il muro, cerco di rilassarmi e riportare il respiro sotto controllo.

Poi inizio a mandare una serie di input al cervello del tipo “Sono al trentesimo km, facciamone un altro e vediamo come va.” È inutile pensare che ne mancano ancora dodici, perché si rischia di andare nel panico. Oppure un altro approccio auto efficace positivo è immaginarsi una persona fidata che ti stimola e t’incoraggia a raggiungere il traguardo. La preparazione fisica ovviamente rimane basilare, ma la preparazione mentale ha assunto oramai una notevole importanza.

È assolutamente fondamentale per un adolescente oggi praticare uno sport. L’obesità, specialmente al sud, è un problema grande che va affrontato. La pratica sportiva, soprattutto in fase adolescenziale, previene innanzitutto il rischio di cadere in vizi come alcool e fumo, ma principalmente insegna dei valori che resteranno impressi per il resto della vita. Fare sport, non mi stanco di ripeterlo, fa bene a 360 gradi.

Molti non si rendono conto dell’educazione che danno ai ragazzi. Al sud si spingono i ragazzi a bere il classico bicchiere di vino. Al nord la situazione è molto simile con la grappa. Nel meridione poi c’è sempre stata questa valenza per la quale il ragazzo sta bene se è cicciottello, grassottello, perché questo è indice del fatto che vive in una famiglia che può dargli da mangiare.

È un fatto di onore della famiglia, ha un’importanza soprattutto culturale. Alcune soluzioni potrebbero essere magari uno stop alle pubblicità di merendine, oppure l’installazione di distributori di frutta e verdura a scuola ma anche nel posto di lavoro. Infatti, la psico-educazione è importante a tutti i livelli. Camminare per andare a scuola, o magari non prendere l’ascensore per tornare a casa sono piccole cose che però fanno bene alla salute. È un investimento iniziale faticoso ma che porta benefici come ad esempio un risparmio sulla sanità in seguito.

Ti è piaciuto questo articolo?

Forse vuoi leggerne altri... Ecco alcuni articoli che hanno un argomento simile:

Tehethon

banner poster